Italia

Butera: mare, arte e fede

Butera è un piccolo centro in provincia di Caltanissetta, a breve distanza da Gela e dal capoluogo di provincia.

La cittadina possiede una frazione, Marina di Butera, che si affaccia sul mare e che sta sempre più vedendo aumentare il numero di turisti desiderosi di trascorrere le vacanze in Sicilia all’insegna del relax, grazie anche all’ambiente naturale che circonda la costa.

Oltre al mare, diversi sono i motivi per scoprire Butera, innanzitutto l’arte.

La cittadina, infatti, conserva numerosi monumenti fra cui:

  • Il Castello arabo-normanno (XI sec.), restaurato di recente si mostra al visitatore in ottimo stato di conservazione ed offre uno dei più splendidi panorami della Sicilia; al tempo della conquista normanna, quando la Sicilia era sotto i Saraceni, il castello era talmente fortificato che Ruggero il Normanno dovette assediarlo per ben 26 anni prima di espugnarlo.
  • La Necropoli di Piano della Fiera (utilizzata dalla preistoria sino al VI sec. a.C.);
  • La Chiesa Madre di San Tommaso Apostolo (XVI sec.) che custodisce la tela raffigurante la Madonna degli Angeli di Filippo Paladino, una croce bizantina del VI sec., diverse altre pregevoli tele, una croce smaltata di Limoges del XIII secolo ed il reliquiario antropomorfo di S. Orsola del XV sec.
  • La Chiesa di S. Rocco (1700) decorata da stucchi e tele del XVIII e XIX sec.;
  • La Chiesa di S. Francesco d’Assisi (1577) che custodisce una croce del Domenichino, l’Assunzione della Vergine e l’Immacolata del Paladino;
  • La Chiesa di S. Maria di Gesù (1590) con una splendida pala bizantineggiante del 1300 ed un crocifisso settecentesco di Fra’ Umile da Petralia;
  • La Chiesa di Maria SS. Delle Grazie (XV sec.) riccamente decorata con stucchi e fregi;
  • La Chiesa di S. Giuseppe (1733) con una splendida croce cinquecentesca;
  • Il Municipio in stile neogotico;
  • Il Castello di Falconara (XIV sec.) sorge a Marina di Butera ed un tempo fungeva da vigilanza contro le incursioni dei pirati.

Un’ottima occasione per visitare Butera potrebbe essere il 2 luglio quando la cittadina sarà in festa per le celebrazioni della Madonna delle Grazie e la serata sarà rallegrata dai fuochi d’artificio.

La cittadina, a causa delle sue modeste dimensioni, offre diverse tipologie di ’ospitalità : B&B, aziende agrituristiche e resort. Vi è anche la possibilità di soggiornare del Castello di Falconara, essendo lo stesso adibito a resort, oppure in una splendida masseria settecentesca.

Raggiungere Butera è semplice sia che si provenga dall’autostrada prendendo l’uscita per Caltanissetta, sia che si provenga da Agrigento. È, inoltre, raggiungibile tramite autobus partendo da Gela e Caltanissetta.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.