Web

Turismo 2.0: l’importanza del web

Oggi il turismo si muove sul web: mentre in passato spettava alle agenzie di viaggi o ai tour operator la missione di organizzare itinerari e ospitalità, oggi i turisti sanno fare anche da soli, e cercano online le informazioni, le offerte e i servizi di cui hanno bisogno. Per questo motivo, tanto le agenzie quanto le strutture ricettive (hotel, b&b, campeggi etc.) devono trasferirsi sul web per rendersi visibili e trovare nuovi clienti.

Gli alberghi, ad esempio, devono dotarsi a tutti i costi di un sito web. La realizzazione del sito di un albergo non va mai affidata al caso: il sito web di un albergo (ma anche di un ostello, di un campeggio, di una casa vacanze…) deve contenere tutte le informazioni utili ai viaggiatori (posizione, servizi nelle vicinanze, come arrivare), una descrizione accurata della struttura (stanze, servizi, zone comuni), ma soprattutto deve essere interattivo, pubblicando le offerte in corso e dando agli utenti la possibilità di prenotare direttamente dal sito o di ottenere un preventivo e informazioni sulla disponibilità delle stanze in tempo reale. Non va dimenticata l’integrazione con tutti i servizi Google, ad esempio Google plus e soprattutto Google Maps, che è oggi molto utilizzata dalle persone anche come navigatore satellitare per la propria automobile.

Oltre agli alberghi, anche i tour operator devono pensare alla propria presenza sul web: in particolare, devono offrire servizi di prenotazione online, insieme a servizi di comparazione dei prezzi e delle tariffe, oggi molto graditi agli utenti. Inoltre, per dare un servizio in più, tutti gli operatori che lavorano nel settore turistico-alberghiero dovrebbero cercare di riempire la rete di contenuti utili ed interessanti. Qualche esempio? Guide di viaggi, informazioni sui vaccini o sui documenti necessari per andare all’estero, leggi in vigore nelle mete di turismo più battute, novità nel settore turistico espunti di viaggio.

Dopo aver realizzato il sito web, le strutture turistiche devono occuparsi anche di realizzare delle visite al sito web. Un sito, infatti, è bello solo se è davvero utile, ed è utile se è visitato. Oggi il web marketing riesce a curare la visibilità di un sito web con diversi tipi di strategie: c’è il posizionamento sui motori di ricerca tramite tecniche SEO (Search Engine Optimization), ci sono le campagne pubblicitarie tramite banner, ci sono le affiliazioni a portali turistici o aggregatori rivolti ad operatori del settore.

Non è più possibile pensare ad un sito senza pensare anche alla sua visibilità, perciò non ci si deve limitare alla scelta di un’agenzia per la creazione di siti web, ma bisogna scegliere anche un partner che si occupi del web marketing e del posizionamento del sito creato sui motori di ricerca e sui principali portali turistici.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.