Italia

Controverses, scatti crudi e provocatori al Museo Alinari della Fotografia di Firenze

L’11 Marzo scorso è stata presentata a Firenze, presso il Museo Nazionale Alinari della Fotografia, la mostra “CONTROVERSES – Una storia giuridica ed etica della fotografia”. L’esposizione è stata realizzata in collaborazione con il Musée de l’Elysée di Losanna e prima di arrivare a Firenze, ha riscosso un grandissimo successo in alcune tra le più importanti città europee.
Il titolo descrive bene il segno particolare di tutti gli scatti esposti: si tratta di immagini controverse che si sono trovate spesso al centro di discussioni e polemiche, scatti che hanno talvolta spalancato le porte dei tribunali.
Del resto l’immagine fotografica si è sempre trovata al centro di importanti dibattiti di carattere etico e di molte questioni legali durante il corso del XIX e XX secolo, in quanto simbolo della libertà di espressione, dei diritti dell’individuo, del potere e del denaro, è spesso e volentieri caduta in conflitto con l’autorità.

Tra le immagini in mostra, spicca quella di Oliviero Toscani che immortala un sacerdote mentre sfiora dolcemente le labbra di una suora; questa foto è stata censurata in Italia a causa delle forti sollecitazioni del Vaticano, ma anche in Francia, in seguito alle denunce di alcune associazioni religiose.
Un altro scatto incluso nella mostra è quello del Presidente Aldo Moro sotto la stella delle Brigate Rosse e quello di Buzz Aldrin che immortala i primi passi dell’uomo sulla luna: quest’ultimo fu molto contestato dai sostenitori del complotto e da David Percy, che ne analizzò le fin troppe anomalie, al punto da ritenerlo un falso storico.

CONTROVERSES si compone di circa settanta scatti e documenti da video provenienti dalla collezione del Musée de l’Elysée e dalle raccolte della Fondazione Fratelli Alinari. Potrete visitarla fino al 5 Giugno 2011. Tra i numerosi eventi in Toscana, eccone uno a carattere davvero internazionale.

Caterina Pomini



Il bacio innocente

Il bacio di Oliviero Toscani



Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.